I mercati rionali sono caratteristici per i loro profumi, i colori e gli accenti e l’entusiasmo nel proporre i loro prodotti. Se intendi intraprendere un’attività in questo settore, devi sapere che l’attività di gestione di un autonegozio o di aprire un banco al mercato rientra nella categoria del commercio ambulante o, come meglio definito dalla legge, “commercio al dettaglio su area pubblica“, regolato dal D.L. 114 del 31 marzo 1998 e dalle legislazioni regionali cui lo stesso D.L. rimanda poiché ogni regione ha le sue regole. 

QUALI SONO I REQUISITI PER APRIRE UN BANCO AL MERCATO?

 Ecco i nostri consigli per lavorare in regola.

1. Proponi un prodotto unico e originale per la vendita e richiedi la licenza di venditore.

Una volta in possesso del veicolo e degli allestimenti pensa al tipo di Licenza. Rivolgiti alla Camera di Commercio di riferimento della città. Le attività di tipo “alimentare” richiedono dei requisiti specifici. È necessaria l’autorizzazione sanitaria e la licenza per il “Commercio Ambulante Alimentare” se vuoi avviare un food truck.

2. Comportati in maniera professionale. È bello avere a che fare con un venditore ambulante affidabile e onesto anche se vendi della bigiotteria su un semplice telo. Il cliente premia chi tratta i clienti con rispetto.

3. Hai pensato alla sicurezza?

Al fine di garantire la sicurezza ed igiene degli alimenti, devi elaborare il piano di autocontrollo HACCP, creare il libretto degli allergeni, il menù deve contenere l’elenco degli allergeni e delle pietanze surgelate, devi fare il corso per alimentaristi e la formazione per addetti antincendio nelle attività di installazione ed utilizzo delle bombole di GPL.

Devono frequentare questi corsi di formazione tutti gli “ambulanti” che sostituiscono ed installano bombole collegate ad autonegozi (ed esercitano attività di vendita su autonegozi o su banchi durante mercati, sagre e fiere, street food), i gestori di bar, ristoranti e discoteche che cambiano bombole collegate a stufe “a fungo” o a “falò”, il personale delle fiere e sagre addetto alla sostituzione delle bombole della cucina, le aziende distributrici di GPL in bombole, i rivenditori di bombole e serbatoi di GPL e dei loro annessi.

Ogni banco inoltre deve essere dotato di almeno un estintore di capacità estinguente non inferiore a 34 A 144B C.

Forse non sai che è obbligatorio essere in possesso della qualifica di installatore di bombole GPL. Troppe cose specialistiche e non sai dove andare a farle: sei nel sito web di Kerofiamma, ora non ti rimane che chiamarci allo 0425.484666 o inviarci una mail a assistenza@kerofiamma.it !